header_image

PASSARE DA SOGNO A OBBIETTIVO


14 ottobre 2015
Category:   Homepage

Analizzando le strategie di pensiero e di comportamento delle persone che hanno realizzato i propri desideri e sogni, si è visto che la loro efficacia realizzativa era il risultato di una metodologia particolare che non dipendeva dal tipo di sogno, dalla realizzabilità oggettiva o da altri fattori. Particolare risultava che quegli obiettivi e sogni che si ritenevano, secondo una logica “comune”, irrealizzabili, erano realizzati da queste persone che riuscivano a tradurre i sogni in obiettivi e questi in risultati. La strategia di Walt Disney esemplifica come tutto questo possa avvenire.

Walt Disney ha realizzato quello che tutti ritenevano irrealizzabile, un grande sogno: guadagnare facendo divertire gli “adulti” come se fossero dei bambini.

Pochi sanno che Walt Disney era l’unico a credere che fosse possibile costruire quello che oggi ci sembra scontato.

Fu osteggiato da tutti, non fu mai finanziato e i parchi furono realizzati solo dopo la sua morte.

All’inaugurazione di Disneyworld, il primo immenso parco di divertimento per adulti, il sindaco di New York disse che aveva un unico rammarico: che Walt Disney non fosse vissuto abbastanza a lungo da vedere i SUOI parchi realizzati. Il figlio rispose: Vi sbagliate tutti…. Mio padre li ha visti…. Li ha visti realizzati così come voi li vedete, cosi come sono qui davanti a noi… erano già nella sua mente.

Walt Disney aveva visualizzato in modo chiaro e definito il suo obiettivo per tutta la vita, applicando poi alla sua visone una strategia precisa.

Ci sono dei sogni che ti piacerebbe realizzare? Quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere nei prossimi 3 mesi? E nei prossimi 5 anni? Saper definire obiettivi è il primo passo verso la realizzazione dei tuoi sogni.

Molte persone transitano nella vita con un approccio passivo. Non sanno bene dove sono dirette, cosa vogliono fare e cosa vogliono ottenere, non si danno obiettivi personali e vivono alla giornata. Potrai incontrarli tra 1 anno, 3 anni o 5 anni ma le loro vite rimarranno le stesse, eccetto per qualche piccolo cambiamento che è il risultato delle azioni e dei desideri degli altri piuttosto che dei propri.

Questo non dipende dal fatto che non possiedano risorse e potenziale ma dal fatto che non sanno come trasformare i loro desideri in realtà. Purtroppo, in questo modo vivono una vita ben al di sotto le loro possibilità.

Per quanto sia un sostenitore e (praticante) del vivere nel momento presente ritengo sia importante avere una direzione nella vita. Penso infatti sia possibile godere della vita attimo per attimo essendo grati di quello che si ha, e nel contempo dedicare delle azioni per creare e lasciare qualcosa di concreto per se stessi e gli altri.

Si parla tanto di rincorrere i propri sogni e inseguire i propri desideri ma purtroppo nessuno ci dice qual è il giusto modo per farlo. La domanda da un milione di dollari è quindi questa: Come posso trasformare i miei sogni in realtà? I sogni parlano dei tuoi desideri che sono la spinta e la forza motrice per la tua destinazione.

I passi, le direzioni e le strategie che fanno si che i tuoi sogni si manifestino sono chiamati obiettivi. Gli obiettivi sono quindi i mezzi grazie ai quali puoi concretizzare i tuoi sogni e non farli impolverare.

Perché è importante raggiungere un obiettivo?

Pianificare in modo preciso i propri obiettivi aumenta drasticamente la probabilità di raggiungerli ed è una delle principali abilità delle persone di successo. Gli obiettivi aiutano a essere focalizzati su ciò che si vuole e a impiegare il proprio tempo e le proprie risorse nel modo più efficace possibile. Inoltre, questo genere di atteggiamento genera una mentalità produttiva associata con una migliore considerazione di se stessi

Esiste un celebre studio dell’Harvard Business School nel 1979, in cui agli studenti di quell’anno fu chiesto se avessero stabilito e scritto degli obiettivi chiari per il loro futuro, solo il 3% rispose di averli scritti. Dopo 10 anni gli stessi studenti vennero ricontattati e ciò che emerse fu che coloro che al tempo scrissero in modo preciso quello che volevano raggiungere stavano guadagnando circa 10 volte di più del restante 97% messo insieme.

Tutti noi vorremmo realizzare i nostri sogni, ma solo in pochi ci riescono.

Perché?! Te lo sei mai chiesto? Cos’è che fa la differenza? La fortuna? Il talento? I geni? Senza dubbio questi elementi giocano un ruolo importante nella strada verso il successo, ma sono molto meno determinanti di quanto ci vogliano far credere, o di quanto noi stessi vogliamo credere.

In fondo, pensare che si possa realizzare i propri sogni solo grazie ad una botta di cubo o ad un patrimonio genetico adatto è un gran sollievo. Se dipende tutto dalla sorte e dai geni, tanto vale non impegnarsi più del dovuto, tanto vale fare il minimo indispensabile, tanto vale arrenderci al nostro destino.

Un perdente trova sempre una scusa. Un vincente trova sempre una strada.

Per “sostenere” il successo abbiamo dunque bisogno di sviluppare muscoli abbastanza forti, e per sviluppare questi “muscoli” abbiamo bisogno delle difficoltà, dei limiti e delle sfide.

Continuare a raccontarci scuse è controproducente: rischiamo soltanto di perdere tempo ed energie. Il vero segreto per realizzare i nostri sogni si cela altrove…

Hai mai provato a trattenere il respiro sott’acqua?

A seconda del nostro grado di allenamento possiamo riuscire a trattenere il respiro da qualche decina di secondi a svariati minuti. Ma per quanto possiamo allenarci, ad un certo punto il bisogno di respirare è così forte ed impellente che la nostra mente non riesce a pensare a nulla se non ad una bella boccata d’aria fresca.

Quando tratteniamo il respiro sott’acqua, arriva sempre un momento in cui il desiderio di aria pervade ogni centimetro del nostro corpo. In questo caso non stiamo certo a procrastinare, non ci chiediamo quale sia la strategia più efficace per respirare, non facciamo una to-do list per il respiro perfetto. No, niente di tutto questo. Quando il desiderio è così forte e radicato dentro di noi, semplicemente agiamo.

Devi desiderare di realizzare i tuoi sogni come desidereresti respirare un istante prima di soffocare.

Se vuoi raggiungere traguardi ambiziosi non devi limitarti a desiderarlo: devi volerlo con ogni grammo del tuo essere. Il tuo deve essere un desiderio ardente. Quando provi un desiderio di questo tipo smetti istantaneamente di raccontarti scuse. Ti assumi le tue responsabilità e fai di tutto per trovare una strada verso i tuoi sogni. E’ come il bisogno di respirare: lotteresti fino all’ultimo pur di respirare.

Cambiare Vita – Per Realizzare I Tuoi Sogni E I Tuoi Obiettivi

Una componente fondamentale per cambiare vita è sicuramente riflettere sui tuoi sogni ed obiettivi. Ognuno ha i suoi sogni e la maggior parte delle persone hanno degli obiettivi. Se desideri che diventino realtà, è necessario spostarsi verso di loro in modo coerente e mirato.
Devi iniziare a renderti conto di quanta distanza c’è tra il punto nel quale ti trovi e quello dove vuoi arrivare.
Il tuo compito è quello di ridurre tale distanza fino a che non esista più. Per fare questo, hai assolutamente bisogno di scrivere quali sono i tuoi obiettivi più grandi, e contemporaneamente muoverti verso di loro.

COME SI PASSA DA UN OBIETTIVO A UN PIANO DI LAVORO
Il passaggio da un sogno, a un insieme di obiettivi ben formati fino alla loro realizzazione pratica, passa per una serie di tappe intermedie che devono essere ben definite, nel contenuto, nei tempi e nei modi. Uno di questi passaggi è proprio quello che permette di passare da un obiettivo a un piano di lavoro. Per passare da un obiettivo a un piano di lavoro, bisogna che intervenga un esperto, qualcuno che sappia dare delle informazioni di qualità. Questo è il punto in cui bisogna evere esperienza. Purtroppo non c’è la bacchetta magica, anche con l’esperienza, bisogna poi essere capaci di adattare la ricetta generale alle singole situazioni personali, perchè quello che puo’ anadre bene per me non va bene per un altro. Inoltre ci sono alcuni aspetti che possono trasformare un piano di lavoro perfetto, in un vero e proprio incubo. Se l’allievo non è reso partecipe della costruzione del piano di lavoro, ma gli viene dato un piano di cui non capisce nullla, si rischia che anche se viene seguito alla lettera, non dia i risultati sperati. La piu’ grossa differenza la fa sempre il “modo” in cui vengono fatte le cose e non solo cosa viene fatto. Ecco perchè è piu’ importante capire come si devono fare le cose piuttosto che fare semplicemente qualcosa.

Il primo passaggio è quello di scendere dall’obiettivo alla strategia di massima. Per ottenere una cosa bisogna avere una strategia, una serie di cosa da fare, che portino a ottenere il risultato sperato.

Una strategia è quindi un percorso che mi indica attraverso quali tappe intermedie, dei sottobiettivi da raggiungere, devo passare per arrivare a realizzare l’obiettivo finale. Senza una strategia, un obiettivo ben formulato, rimane un viaggio infinito.

Una strategia deve indicarci la prima tappa, che solitamente prevede piu’ di un sottobiettivo, che bisgna raggiungere. Deve indicarci come si fa a rendersi conto se si è raggiunta una tappa intermedia, non deve dipendere da opinioni, ma deve essere oggettiva, verificabile da altri e da noi stessi in modo distaccato e realistico.
Il passaggio successivo consiste appunto nella scrittura dei piani di lavoro, che dettano esattamente cosa si puo’ fare per raggiungere la prima tappa del viaggio. Per impostare la cosa iniziamo a citare le cose che ci vogliono per compilare un piano di lavoro serio e sensato.