header_image

I MANAGER E L’AGRICOLTURA


13 ottobre 2015
Category:   Homepage

Da una ricerca qualitativa condotta da B&C emergono segnali di conferma al cambiamento culturale in atto dall’ultimo biennio nel settore agricolo .
A proposito di svolta agricola, diminuzione dei passaggi dal produttore al consumatore e rispetto dell’ambiente, il cambiamento viene da un settore insospettato della società: i manager di successo, la generazione dei quarantenni che vogliono cambiare stile di vita e che trovano nell’agricoltura e nel rispetto dell’equilibrio ambientale lo strumento per custodire tradizione e patrimonio naturale, per curare e gestire territorio e paesaggi.

Questa è la prima conclusione di una ricerca qualitativa condotta da B&C dalla quale emerge non solo un nuovo modo di fare agricoltura, ma un cambiamento culturale che persegue non il reddito ad ogni costo, ma un modus vivendi che consenta di conciliare il reddito con uno stile di vita in armonia con natura e società. Tanti sono i manager che, giunti all’apice della carriera e di uno stil di vita frenetico, decidono di acquistare dai 10 ai 20 ettari di terreno agricolo per concedersi uno stile di vita sano, pur continuando a lavorare.
Il fenomeno sembra non essere presente solo in Italia ma anche in contesti internazionali totalmente differenti. Infatti, in economie di assoluto protagonismo nei mercati agricoli internazionali quali il Canada, si verificano politiche a favore dello sviluppo di progetti agricoli.
B&C ha voluto verificare questi primi segnali, riscontrando conferma di quanto emerso nella ricerca, nei diversi colloqui tenuti con operatori del settore.
In funzione di questo, B&C ha implementato una task-force per l’approfondimento delle caratteristiche e delle potenzialità di marketing di tale cambiamento. Le principali variabili da indagare: Consistenza del fenomeno, copertura geografica e caratteristiche produttive, criticità, dinamica dei prezzi e competitività, nonché un elemento intangibile quale l’impatto in termini d’immagine sul mondo agricolo e sull’emersione di un modello ecosostenibile.